Superga 1949. Il destino del grande Torino, ultima epopea dellItalia unita.pdf

Superga 1949. Il destino del grande Torino, ultima epopea dellItalia unita PDF

Giuseppe Culicchia

«In tutta l’Italia c’era chi pur non avendo mai potuto mettere piede al “Filadelfia” sognava di vedere e cercava di replicare le incursioni di Grezar e le reti di Ossola, i tackle di Ballarin e i dribbling di Maroso, la grinta di Castigliano e la classe di Menti, per tacere ovviamente delle imprese già leggendarie di Mazzola.»Almeno fino a quella maledetta domenica di maggio di settantantanni fa quando, dopo una partita amichevole con la squadra del Benfica, l’intera squadra del Torino Calcio salì sul trimotore I-Elce per fare ritorno a casa e finì invece per schiantarsi contro la Basilica di Superga, avvolta nella nebbia. Quella sera scompare una squadra leggendaria, capace di dominare il calcio italiano e di conquistare grande prestigio internazionale.Fu un lutto non solo per i tifosi «granata» e per i torinesi, ma per l’Italia intera. Come racconta Giuseppe Culicchia in queste pagine emozionanti, il Grande Torino era da tempo al di sopra del tifo campanilistico: un orgoglio per tutti e il simbolo della rinascita di un Paese uscito distrutto dalla guerra.Nella narrazione di quei giorni, del dramma e dei suoi protagonisti, riscopriamo una pagina della nostra storia che è un inno all’impegno della gioventù e alla lealtà di uno sport che vorremmo più pulito e capace di unire anziché di dividere.

06/06/2019 · La prima pagina di Superga 1949 – il destino del Grande Torino Ultima epopea dell’Italia unita, ci porta in Sicilia. Strano per un libro che parla di una squadra nel Nord, un Nord cugino della Francia. C’è un campetto di calcio, dei ragazzini che giocano. Ragazzini siciliani che fanno finta di essere calciatori famosi, tutti del grande Superga 1949. Il destino del grande Torino, ultima epopea dell'Italia unita è un libro scritto da Giuseppe Culicchia pubblicato da Solferino

2.82 MB Dimensione del file
8828201940 ISBN
Gratis PREZZO
Superga 1949. Il destino del grande Torino, ultima epopea dellItalia unita.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.chazelles.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Ultima epopea dell’Italia unita”. Perché la squadra di Mazzola , di Ossola , di Ballarin , di Grezar , non era solo l’armata calcistica capace di vincere in casa quasi cento partite di fila ( 88 per la precisione ), né la macchina da gol che aveva abituato i suoi tifosi a goleade fantascientifiche ( 10 a 0 all’Alessandria, altro record ) o che mise a segno 125 reti in una stagione

avatar
Mattio Mazio

70 anni fa la tragedia di Superga.Erano le 17.03 del 4 maggio 1949 quando il Fiat G.212, partito da Lisbona, si andò a schiantare contro la basilica di Superga, sulla collina torinese.I morti furono 31, tra cui tutta la squadra del Grande Torino, di ritorno da un amichevole per beneficenza giocata contro il Benfica.Insieme a loro i quattro membri dell'equipeggio, tre allenatori, tre dirigenti

avatar
Noels Schulzzi

Giuseppe Culicchia con “Superga 1949. Il destino del Grande Torino, ultima epopea dell’Italia unita” edito da Solferino, ci racconta una pagina della storia italiana che è un inno all’impegno della gioventù e alla lealtà di uno sport che vorremmo più pulito e capace di unire anziché di dividere. Superga 1949. Il destino del grande Torino, ultima epopea dell'Italia unita: «In tutta l'Italia c'era chi pur non avendo mai potuto mettere piede al "Filadelfia" sognava di vedere e cercava di replicare le incursioni di Grezar e le reti di Ossola, i tackle di Ballarin e i dribbling di Maroso, la grinta di Castigliano e la classe di Menti, per tacere ovviamente delle imprese già leggendarie

avatar
Jason Statham

Sta di fatto che io il Gallo lo amo a cominciare proprio da quel suo volto antico. Un volto da cui traspaiono qualità rare in un uomo prima ancora che in un calciatore: schiettezza, concretezza, fiducia; un’allegria che non ha nulla in comune con la superficialità ma che ha a che fare con il carattere di uno che ha saputo guadagnarsi col lavoro e coi sacrifici tutto ciò che ha e che fa; e

avatar
Jessica Kolhmann

Superga 1949. Il destino del grande Torino, ultima epopea dell'Italia unita. Autore Giuseppe Culicchia, Anno 2019, Editore Solferino. € 10,00. 24h Compra nuovo. Vai alla scheda. 2018. Aggiungi a una lista + Tutti giù per terra. Autore Giuseppe Culicchia, Anno 2018, Editore Einaudi. € 11,00. 24h Compra nuovo. Il cartellino di iscrizione alla Figc porta il numero 03375 e il timbo dell'Associazione Calcio Brescia. Sul retro le annate 1938-1939, 1939-40, 1940-1941